Indicatore di sintesi ~ Rispetto al precedente Rapporto MEV(i) l’indicatore di sintesi nazionale della mortalità evitabile risulta sostanzialmente invariato per le femmine e registra una lieve diminuzione per gli uomini: i giorni di vita perduti pro-capite per decessi contrastabili con interventi di sanità pubblica (prevenzione primaria, diagnosi precoce e terapia e altra assistenza sanitaria) sono rispettivamente quasi 21 per i maschi e 12 per le femmine e attorno a questi valori i dati regionali confermano la rilevante eterogeneità già nota dai precedenti studi.

Classifica regionale ~ La classifica maschile MEV(i) 2014 (tavola 1), guidata da Umbria, Marche, Emilia Romagna e Toscana, tutte al di sotto dei 19 giorni di vita persi, è chiusa dalla Sardegna, con un valore prossimo a 25, preceduta da Campania, Sicilia, Valle d’Aosta (23-24 giorni); la classifica femminile vede invece Marche e Trentino Alto Adige ai primi posti (con valori appena superiori ai 10 giorni) e la Campania all’ultimo (oltre 14 giorni).

Classifica provinciale  ~ Scarica il rapporto con le mappe epidemiologiche per provincia.

Download Rapporto 2014 (pdf)

Gruppo di Lavoro

Natalia Buzzi Responsabile scientifico Nebo Ricerche PA
Iolanda Mozzetta Ricercatore Sr Nebo Ricerche PA
Giuseppe Cananzi Dirigente RGS - Ministero dell'Economia e delle Finanze
Massimo Maurici Ricercatore confermato Università di Roma Tor Vergata
Elio Tondo Responsabile IT Nebo Ricerche PA

Progetto grafico Ornella Fassio - DesignOF

Utenti MEV(i)

Per contattare MEV(i)